Probabilità di vincita demistificata: quante probabilità hai di vincere?


 

Vi siete mai chiesti quale sia l'effettiva probabilità di vincita dei vari giochi? In effetti, come dico sempre, se uno sapesse davvero quella che è, in base a calcoli scientifici molto semplici (e sia pur semplificando un po' la questione, in alcuni casi), il numero di giocatori si ridurrebbe di molto, e diventerebbe un semplice hobby a cui non dedicare neanche troppo tempo delle proprie giornate. Ma visto che il fatturato del gioco d'azzardo è da anni considerevole, bisognerebbe spendere due parole in termini di "rieducazione", per così dire, per trasmettere alle persone come la statistica possa aiutare a comprendere bene i termini del discorso.

Parliamo ad esempio della probabilità di vincere al Superenalotto, che rappresenta sicuramente uno dei premi più ambiti dagli scommettori che spesso, per loro stessa natura, peccano di realismo. Facciamo due conti: se ci sono 90 numeri, la probabilità di indovinare quello giusto è di 1 su 90, 1/90 = 1,12% di probabilità di vincita. Si parla in questo caso, pero', di probabilità condizionata, che è ancora più bassa dato che dobbiamo considerare la possibilità di indovinare più di un numero: avremo quindi 1/90 moltiplicato per 1/89 (89 sono i numeri rimanenti), il che ci porta ad un abbassamento della probabilità allo 0,01% già con due soli numeri! Chiaro che per indovinare la combinazione del superenalotto la probabilità sarà davvero microscopica, pari precisamente (secondo il calcolo fatto da Focus.it) a 1 su 622.614.630. ovvero lo 0.00000000160612994% che è una probabilità davvero microscopica.

Pensiamo allora alla probabilità di vincere una scommessa sportiva, ad esempio di calcio: più scommesse mettiamo in gioco più sale il montepremi, ovviamente, ma al tempo stesso non bisogna dimenticare che si riduce anche la probabilità di vittoria. Ammeso per semplicità, per fare un esempio, che si debba indovinare la vittoria della squadra di casa (1), il pareggio (X) e la vittoria della squadra ospite (2), avremo che la probabilità di indovinare un risultato di una singola partita è di 1/3 = 33,34%, che poi diventa 1/3*1/3 = 11% con due partite e *1/3*1/3*1/3 = 3% con 3 partite. Il ragionamento che si deve fare, quindi, dovrebbe sempre considerare la probabilità e portare alla conclusione che scommettere sempre porti, alla lunga, ad un vizio da cui è difficile uscire ed in cui le probabilità sono molto misere, mentre il banco vince sempre ed è un dato di fatto.

Certamente bisogna farci qualche riflessione, la prossima volta che si va a giocare a qualsiasi gioco si voglia, e che rientri nel giuoco d'azzardo; e noi siamo dell'idea che sia cosìe ci sia poco da fare. 

Foto di Free-Photos